violenza donne

Budrio (Bologna) 30 OTT - Lo scorso febbraio un marocchino di 54 anni, Abderrahim Qablaoui, uccise la moglie, di anni 30, colpendola al cuore con un coltello da cucina.

L'omicidio accadde a Budrio, vicino a Bologna. 

Dopo il delitto, l'uomo si accanì anche sul cadavere della povera donna, il tutto davanti allo sguardo incredulo della loro bimba di tre anni. La vittima si chiamava Jamila Assafa, ed era marocchina.
Ora l'uomo, secondo quanto diffuso dall'Ansa,  è stato condannato a trent'anni di carcere dal Tribunale di Bologna; a lui erano state contestate anche le aggravanti della crudeltà e dei futili motivi.

Commenti

Potrebbero interessarti