03242017Ven
Last updateGio, 23 Mar 2017 9pm

Garden Therapy: gli effetti benefici del giardinaggio


giardinaggio 2016
Il contatto con la natura e in particolare il giardinaggio sono un toccasana per curare le ansie e lo stress che viviamo quotidianamente nelle nostre vite eccessivamente impegnate e dai ritmi troppo frenetici.


La Garden Therapy rappresenta un modo naturale ed efficace per rincuorare lo spirito e "fare pace" con se stessi. Insegna, nello specifico, a creare varie tipologie di giardino imparando a prendersene cura ma soprattutto a far nascere dal nulla un meraviglioso luogo immerso da piante, fiori e bellezza. 

Tra il giardiniere e la pianta che nasce, si nutre e cresce, si instaura un rapporto quasi magico, che possiamo definire affettivo. Questo accade perché il giardiniere si prende cura di un altro organismo, se ne prende carico con la responsabilità che cresca forte e rigoglioso. Quando la pianta crescerà bella e sana, chi ha fatto ciò non può che sentirsi pieno di autostima e gioia. 

Fare giardinaggio è un lavoro creativo e salutare: non solo riduce lo stress ma comporta notevoli benefici su corpo e mente. A sostenerlo sono anche recenti studi scientifici nei quali si afferma che praticare giardinaggio almeno 30 minuti al giorno possa giovare alla salute e migliorare l'umore. 

Per quanto riguarda il corpo, tutte le attività comprese nel giardinaggio riescono a rafforzare la muscolatura e a bruciare calorie. Progettando un giardino, infatti, si deve zappare, travasare, seminare, estirpare le erbacce e tante attività che comprendono l'esercizio fisico all'aria aperta. 

La Garden Therapy rappresenta un metodo innovativo introdotto di recente anche nelle case di cura, di riposo o nei centri di riabilitazione perché si trascorre del tempo di qualità a contatto con la natura facendo esercizi di coordinamento, di memoria, di elasticità mentale e si allena persino la pazienza, dote molto utile per chi si accinge a praticare giardinaggio. 

Studiare, ad esempio, come progettare un giardino oppure un orto dalle basi è un ottimo modo per ottenere tutti questi benefici e migliorare le nostre vite. Il primo step è la progettazione dello stesso: disegnatelo su carta o progettatelo al computer per avere le idee più chiare.  Si comincia con la preparazione del terreno, estirpando le erbacce e togliendo pietre e radici che sono eventualmente presenti. Bisogna poi verificare il PH del terreno per decidere come intervenire. 
Successivamente si sceglie cosa piantare: questa è una delle fasi più creative. Si possono scegliere piante e fiori che più ci piacciono o di seminare un bel manto erboso da arricchire successivamente con vasi di piante. 
Una bella superficie erbosa, infatti, è un'ottima base da cui iniziare a progettare il proprio giardino. Il verde brillante dell'erba sarà una tela perfetta per "disegnare" le proprie idee. 

Un importante elemento da considerare quando ideate un giardino è sicuramente il contesto in cui si inserisce: una casa storica, una casa di campagna, un terrazzo in città e ovviamente i gusti personali. 
Di frequente si è soliti "incorniciare" la casa o i viali con aiuole e cespugli che conferiscono un certo ordine ed eleganza all'abitazione. Se non siete abili di giardinaggio e piante, una buona idea è quella di "spiare" cosa viene piantato nei paraggi e come cresce per capire se potete riprodurlo facilmente anche voi. 
Molto importante, infatti, è la considerazione del clima e di ciò che è attinente piantare e seminare a seconda che sia secco, umido, freddo e così via. 
Due altri elementi da considerare sono il sole e l'ombra, ossia come è esposta la vostra casa. In tal modo riuscirete a dare il massimo al vostro giardino dando le giuste ore di sole alle vostre piante e donando loro una rinfrescante ombra nelle ore più assolate. Anche un questo caso, la progettazione è tutto. 

Foto: Ancona Arquitectos / Homify


poesie report on line