Come ci documenta www.investigazioni-private.net, buona parte delle investigazioni private riguardano l’infedeltà coniugale. Alcune agenzie si sono specializzate a tal punto in questa pratica da farla diventare la loro attività principale. Intanto è bene precisare che occorre rivolgersi a professionisti seri ed affidabili. Per fare questo controllate con cura tutte le opzioni disponibili, fate dei colloqui, chiedete dei preventivi di massima ed abbiate cura anche di capire come verrà effettuata l’investigazione che dovete commissionare. Chi paga è anche chi decide come l’indagine deve essere svolta.

 

Quando si parla di prove, occorre sempre tenere presente cosa è una prova per una persona e cosa invece è una prova legalmente valida per un Tribunale. I concetti sono, più spesso di quello che si pensi, estremamente distanti. La macchia di rossetto sulla camicia o il numero di telefono appallottolato in una tasca possono essere indizi, ma sono lungi dal dimostrare che una persona è infedele.

Il primo passo sarà infatti quello di capire, tramite l’agenzia di investigazioni, quali siano le fonti necessarie per poter costruire un addebito di infedeltà. È inoltre possibile distinguere due situazioni, ovvero chi vuole accertare l’infedeltà coniugale per fini propri e chi invece deve farlo per fini legali.

Nel primo caso, ovviamente, non saranno necessarie particolari attenzioni, se non quelle indispensabili a non venire scoperti ed a non far trapelare il fatto di essersi rivolti ad una agenzia. Nel secondo caso è solitamente opportuno che avvenga un coordinamento tra il difensore e l’agenzia. Questo perché gli investigatori devono confezionare un prodotto che sia legalmente compatibile con quella che è la strategia dell’avvocato.

Il cliente rappresenta l’uomo nel mezzo, colui il quale deve ovviamente mettere a disposizione informazioni e quanto altro necessario. È bene ricordare, specie proprio nel caso delle infedeltà coniugali, che per una buona riuscita dell’investigazione è obbligatoria una collaborazione totale del coniuge che ha interesse a scoprire il compagno fedifrago.

L’agenzia deve quindi informare il cliente della totale liceità delle operazioni che verranno messe in atto. Non sono infatti infrequenti i casi nei quali vengono violati diritti fondamentali della persona per accertare infedeltà coniugali.

Questo porta, oltre a non poter utilizzare assolutamente niente del materiale raccolto, anche a dover fronteggiare una querela per tutti i reati che si sono commessi. Il Garante per la Protezione dei Dati Personali oltre alla Corte di Cassazione sono intervenuti in moltissime occasioni per dissuadere mariti e mogli gelosi dal compimento di taluni atti. Si pensi ad esempio alla semplice registrazione delle telefonate.