Interventi approvati anche sul fronte dell’arredo urbano e dell’attività anti-incendio Il Comune di Statte nella seduta consigliare di ieri deliberato all'unanimità dei consiglieri l'affidamento della riscossione coattiva delle entrate comunali, tributarie e patrimoniali a partire dal 1 luglio, all'Agenzia Nazionale delle Entrate.

Abbiamo scelto la strada pubblica perché ha strumenti giuridici più efficienti-dichiara l'assessore alle finanze Mina Luccarelli - a partire dalla possibilità di accedere alle banche dati dei privati cittadini in modo più approfondito anche se nel pieno rispetto della privacy pubblica. Nel frattempo si valuterà comunque la performance dei soggetti che si affacceranno su questo nuovo mercato per scegliere eventualmente in un secondo momento la strada dell'affidamento ad un privato.
Una battaglia all’evasione fiscale che il Comune di Statte ha inteso svolgere in maniera determinata sin dal principio del suo mandato.
Si tratta di interventi di equità e giustizia sociale – dice il Sindaco Franco Andrioli – perché se non riscuotiamo le tasse da tutti a pagare saranno solo i cittadini onesti e con grande senso civico. Sì tratta di entrate – afferma ancora - che se non riscosse nei termini ordinari, devono essere oggetto di un'attività di recupero coattiva al fine di assicurare il gettito atteso delle previsioni di bilancio.
Il consigliere Stefania Caputo ha poi comunicato che l'unione dei comuni ha approvato la richiesta avanzata dal comune di Statte di ottenere 25mila euro per la sostituzione del pavimento e dei giochi per bambini situati nella piazzetta del ponte cherubini, nonché 15 mila euro per la salvaguardia della prevenzione incendi per i tre comuni dell'unione dei comuni.
In vista del periodo caldo in Consiglio comunale è arrivata anche l’annosa emergenza incendi che interessa ogni anno e in particolar modo la zona residenziale del comune.
Abbiamo ottenuto su questo fronte – spiega il Sindaco – il sostegno dell’ARIF, l’Agenzia Regionale per le attività Irrigue e Forestali, che è dotata dell’AIB, la principale struttura competente per quanto riguarda l’antincendio boschivo, ma ovviamente le cautele dei cittadini devono essere sempre tante. Solo così potremo salvare il nostro patrimonio boschivo e naturale.

Con preghiera di cortese diffusione,

Maristella Bagiolini


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. 
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info