La cessione del quinto è un prestito personale riservato ai lavoratori dipendenti, sia pubblici sia privati, e ai pensionati. Il rimborso avviene mediante addebito diretto sullo stipendio o sulla pensione entro il massimo di 1/5 secondo quanto previsto dalla legge.

 

La durata massima di questo finanziamento è dieci anni e, inoltre, si richiede una copertura assicurativa a titolo di garanzia.La disciplina legislativa prevede che in ogni momento questo finanziamento si può estinguere in anticipo rispetto alla scadenza contrattuale. 

L'estinzione anticipata non è un'operazione complessa e, tuttavia, presenta un costo in termini di oneri aggiuntivi e un guadagno in riferimento alla restituzione di parte della copertura assicurativa pagata alla stipulazione. 

Come si estingue in anticipo la cessione del quinto

Il procedimento di estinzione della cessione del quinto é molto semplice. Innanzitutto, si deve effettuare una comunicazione scritta formale in cui si esplicita la propria volontà di richiedere l'estinzione del prestito personale e specifica la data in cui si vuole ottenere l'estinzione. 

La dichiarazione si deve inviare mediante raccomandata A/R oppure, se specificato espressamente nel contratto, si può portare a mano all'ufficio bancario competente facendosela protocollare. 

L'istituto bancario, a questo punto, deve effettuare i calcoli dell'ammontare del debito residuo e comunica circa il giorno entro il quale si deve effettuare il versamento.

Una volta versato l'ammontare residuo la Banca estingue ufficialmente la cessione del quinto e vi rilascia un documento in cui si attesta tale chiusura.

 

Il calcolo dell'estinzione anticipata cessione del quinto

In Italia i piani di ammortamento di un prestito personale seguono il metodo francese che ha alcune caratteristiche fondamentali:

  • all'inizio del periodo di finanziamento la rata di rimborso presenta una maggiore percentuale di interessi;
  • alla fine del periodo di finanziamento, invece, la rata di rimborso presenta un'inferiore incidenza degli interessi.

Quindi, nel periodo iniziale estinguere il prestito è molto conveniente mentre in quello finale è più oneroso.Il calcolo preciso viene fatto dalla banca e, tuttavia, chi decide di estinguere il prestito può verificare l'ammontare residuo in ogni momento.

La penale e la sorte dell'assicurazione in caso di estinzione anticipata

I contratti di finanziamento prevedono tutti una clausola penale che quantifica, nel rispetto della legge, la percentuale di risarcimento del danno dovuta per l'estinzione anticipata cessione del quinto. 

La suddetta penale è di 0,5% o 1% dell'ammontare residuo e, in ogni caso, la legge prevede che non superi l'1%.Lo scopo è risarcire il mancato guadagno dell'istituto di credito in caso di estinzione anticipata poiché questo perde le entrate sugli interessi applicati sulle rate di rimborso fino alla fine del periodo di prestito.

L'estinzione, tuttavia, non comporta solo oneri aggiuntivi, infatti si deve tenere in conto che il titolare del finanziamento ha diritto alla restituzione della parte non goduta della polizza assicurativa obbligatoria.

 

Potrebbero interessarti