Cuccioli di maiali estratti con la forza da piccole gabbie e costretti a correre per vincere un palio: gli animalisti irrompono e vengono insultati e aggrediti dalla folla. Intervengono Sindaco e Carabinieri. Domenica 14 maggio attivisti per i diritti degli animali del movimento Iene Vegane hanno organizzato una pacifica irruzione nell’arena durante il Palio dei Maiali a Cilavegna (Pavia). Il Palio è considerato un evento della tradizione locale e avviene nel "porcodromo", dove giovani maiali sono costretti a correre per far vincere la contrada che rappresentano; sostenuto dalle autorità locali, nasce per far divertire un pubblico umano costringendo degli esseri viventi a dare spettacolo: cuccioli di maiale ridicolizzati, ridotti a fenomeni da baraccone e privati di ogni dignità.

Gli animalisti hanno occupato lo spazio destinato alla corsa per quasi mezz'ora, durante la quale hanno subito insulti, urla e lancio di oggetti e di sabbia da parte del pubblico. Alcuni contradaioli hanno spintonato i manifestanti e strappato i loro cartelli di protesta.

"Siamo sconcertati di quante persone e soprattutto quanti giovani fossero pronte ad assistere a questo penoso spettacolo - dichiara una nota del Movimento –. Pare che nessuno di loro riesca a comprendere come questi contesti siano una tragica sopraffazione su esseri più deboli, indifferenti al loro terrore e smarrimento. Ci sembra ancora più incredibile come Proloco, Parrocchia e Comune ovvero le istituzioni promuovano e sostengano questo spettacolo diseducativo e violento. Il messaggio arrivato anche ai bambini è che è giusto rispondere alla paura, al disagio e alla pena di un animale con il divertimento ignorando empatia, giustizia e rispetto".

Nonostante l’intervento di Sindaco e Carabinieri gli animalisti hanno continuato irremovibili la loro protesta fino a contrattare un intervento al megafono in cui hanno spiegato le ragioni degli animali.

VIDEO DELL'AGGRESSIONE https://youtu.be/wESh_fohpxo


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. 
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info