Fra le stigmate dell'italianità, è imperativo annoverare quella alquanto singolare inerente il varo di pletoriche normative finalizzate a disciplinare persino quegli aspetti della vita sociale nei cui confronti basterebbe invece, più semplicemente, seguire le elementari regole del buon senso e della maturità civica. Per spiegare questa fenomenologia, basti ricordare come Cornelio Tacito (Annales, Libro III, 27) descriveva in maniera impressionante l'odierna realtà italiana: Corruptissima re publica, plurimae leges” ( le leggi sono moltissime quando lo stato è molto corrotto ).

 

Già: il buon senso e la maturità civica. Due aspetti etici e socioantropologici a quanto pare avulsi dall'italico genoma. Ne consegue il ricorso di inattesi paradossi, poiché, quella medesima italianità, reca insita un'altra eccentricità tutta nostrana: quella della sistematica violazione della normativa datasi.

Almeno questo è dato evincere dalle vicende in questione coinvolgenti eventi che dovrebbero essere invece contemplati prioritariamente in un consesso civile poiché inerenti l'impiego di materiale esplodente, il quale, proprio per la superficialità con la quale viene disciplinato tuttora, ha prodotto una serie di pesanti conseguenze sulle persone e sull'ambiente.

Soprattutto nell'ultimo anno, e con una particolare incidenza nel territorio marsicano, hanno fatto ricorso gravi e reiterati incidenti provocati dall'incontrollato impiego dei fuochi artificiali. Di seguito, ne vengono dettagliate alcune relative circostanze:

 

Sulla destra di questo filmato, si rileva la presenza di una costruzione. La stessa, di proprietà del Comune di Cerchio (AQ), ospita alcune famiglie indigenti, le quali, soltanto per dar sfogo alla parossistica idolatria del volgo, di fronte al pericolo rappresentato dalle bombe che vengono fatte esplodere in pieno centro abitato, proprio sotto le loro finestre e davanti ai rispettivi portoni, vengono vergognosamente costrette, la sera della festa, ad allontanarsi dalle rispettive abitazioni. Tanta prevaricazione, si consuma sulla pelle di persone senza alternative: o subiscono l'isteria collettiva o rischiano di rimanere senza tetto!

Di fronte a una così stridente criticità, nessuna delle autorità competenti si è sentita finora in dovere di recepire in concreto quanto dettato dalla vigente normativa al riguardo, oltre che da un minimo di buon senso. Ancor meno lo ha fatto la “Commissione tecnica territoriale in materia di sostanze esplodenti presso la Prefettura di L'Aquila” all'uopo contemplata dal Regolamento di Pubblica Sicurezza (*). Che si è comportata finora come un ectoplasma. Essa c'è. Perché è contemplata dalla legge. Ma non esiste. Perché mancante della pratica operatività. Peccato che per il cittadino essa comporti comunque un onere economico. Ma tant'è: succede in Italia!

Riferimento:

(*)https://www.poliziadistato.it/statics/40/linee-guida-per-le-commissioni-tecniche-territoriali-in-sede-di-sopralluogo-presso-fabbriche-e-depositi-di-fuochi-di-artificio.pdf

Immagine, da:

https://ilfaro24.it/wp-content/uploads/2016/09/IMG_03991-310x165.jpg


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. 
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info