Candida acuta o ciclica: conoscerle aiuta a curarle

La candida è un fungo da sempre presente nell'organismo delle donne: quando si trova in minime quantità o sotto forma di spora (dormiente) non dà sintomi, diversamente comincia a diventare attiva e ad arrecare disturbi alle mucose vaginali e intestinali.

Una delle cause della trasformazione della candida da spora a bastoncello allungato (fase attiva) sono le terapie antibiotiche, tramite le quali l'ecosistema intestinale e vaginale viene profondamente alterato.


In che forme si manifesta la candida?

La candida si può manifestare in due modalità: in forma acuta o ciclica.
La prima ha recidive sporadiche e fa insorgere un prurito interno ed esterno molto intenso, degli eritemi sui genitali esterni e delle perdite bianche molto abbondanti simili alla ricotta.
La candida ciclica invece si manifesta per diverse volte all'anno (anche quattro o più) e si distingue per il prurito meno fastidioso, ma i dolori a livello pelvico e i bruciori sono decisamente più forti. Per quanto riguarda le perdite bianche, sono molto più rade rispetto alla candida acuta e non sempre assomigliano alla ricotta. Quest'ultima forma è dovuta ad un'eccessiva risposta agli antigeni della candida.

Quali sono le cause della candida ciclica? come curarla?

Una delle principali cause della candida recidiva è il rapporto sessuale, poiché durante questa occasione si creano delle micro-abrasioni a livello vulvare, tramite le quali si crea un'infiammazione dovuta al contatto fra candida e il sistema immunitario.
Un altro elemento che favorisce l'insorgere della candida ciclica è la creazione di una barriera pressoché inattaccabile dalle difese immunitarie e dagli antibiotici, composta da zuccheri e proteine. Per curarla è quindi fondamentale evitare i rapporti fino alla completa risoluzione del problema, in caso contrario tenderebbe a peggiorare sempre più.
Un altro metodo efficace per sconfiggerla è iniziare una terapia a base di farmaci specifici, da assumere per via orale, e di abbinare la cura con la lattoferrina, una proteina presente anche nel latte materno in grado di dare un contributo efficace grazie alle sue proprietà lenitive e immunostimolanti e antimicrobiche. Pertanto è consigliabile completare la cura assumendo degli integratori a base di lattoferrina pensati per contrastare la candida, fra i nomi più noti troviamo ad esempio quelli di Primak di Giuliani Pharma, facilmente reperibili in farmacia. Infine, per evitare il contagio continuo, è indispensabile far seguire la terapia anche al partner.

Come si previene la candida?

Per prevenire la candida bisogna evitare il più possibile l'assunzione zuccheri e i lieviti (la candida si nutre e si rafforza soprattutto con questi alimenti), privilegiando il consumo di pasta e riso integrali, frutta, verdura, olio di oliva, uova, carne e pesce.
Prestare particolare attenzione anche all'abbigliamento: gli abiti attillati e i materiali sintetici sono da lasciare nell'armadio, in quanto tendono a far aumentare la temperatura corporea.
Preferire quindi della biancheria intima in cotone bianco, da lavare a temperature alte, e indumenti comodi per far traspirare il più possibile la pelle.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. 
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info