caduta dei capelli

La caduta dei capelli è un fatto del tutto naturale, che si presenta con il passare degli anni e che non esclude né gli uomini, né le donne.

Questo, però, non toglie che possa essere una condizione molto fastidiosa, soprattutto quando si presenta anticipando i tempi, dunque colpendo gli individui in giovane età: sono diversi i problemi che si verificano a livello estetico e dunque psicologico, quando ciò avviene. Purtroppo, ad oggi non è ancora possibile curare la caduta dei capelli: quando i follicoli piliferi si chiudono, la loro inattività è destinata a durare nel tempo. Tuttavia ciò non toglie che, grazie ad alcune accortezze, è possibile rafforzare il cuoio capelluto per diminuire le probabilità di caduta, fatta ovviamente eccezione per i casi in cui il suddetto problema dipenda da fattori genetici ed ereditari.

Come rinforzare il cuoio capelluto?

Spesso la caduta prematura dei capelli dipende dalle condizioni debilitanti che colpiscono il nostro cuoio capelluto: questo avviene ad esempio quando la cute della testa è eccessivamente grassa, per via di un’alterazione dei livelli di produzione del sebo, o quando è eccessivamente secca e dunque disidratata. Inoltre, anche i nutrimenti sono fondamentali per sostenere il fusto del capello e per farlo crescere in salute, evitando che possa cadere o spezzarsi: in questo caso, è possibile intervenire con decisione assumendo degli integratori per capelli in bustine come quelli presenti nella linea di prodotti Bioscalin, specificatamente realizzati per fornire i nutrienti al capello e per farlo crescere sano e robusto. Inoltre, parallelamente all'assunzione di integratori, è bene utilizzare i prodotti più adatti a proteggere il cuoio capelluto e il benessere della nostra capigliatura: shampoo e balsamo, ad esempio, dovrebbero essere sempre adatti al tipo di cute (grassa o secca), e dunque consigliati da un dermatologo o da un tricologo esperto. Bisogna poi adottare alcune abitudini rispettose dei nostri capelli: meglio asciugarli con delicatezza tamponandoli con l’asciugamano, evitando di abusare del phon o comunque di utilizzarlo a distanze troppo ridotte. Infine, un no categorico va all'uso eccessivo di piastre per capelli e ad acconciature troppo strette, come gli chignon e le code di cavallo.

Genetica e futuro: scoperta la proteina responsabile della caduta?

Grazie ad una ricerca condotta dalla Texas University Southwestern Medical Center, il problema dell’alopecia potrebbe essere curabile in futuro. Gli studi, nati inizialmente per analizzare la forma tumorale della Neurofibromatosi, hanno infatti portato casualmente alla scoperta di una proteina che, stando alle ipotesi teorizzate dagli studiosi, potrebbe essere responsabile della caduta dei capelli. Ribattezzata “KROX20”, questa proteina avrebbe un ruolo cruciale nel processo di crescita dei fusti dei capelli. Nonostante le ricerche debbano essere approfondite, questa scoperta potrebbe portare nel prossimo futuro alla definizione di una terapia integrativa di KROX20, che potrebbe risolvere i problemi di caduta.