I videogiochi e tutti i giochi online sono stati a lungo criticati per incoraggiare la violenza e il comportamento antisociale. I genitori spesso esprimono preoccupazione per il fatto che potrebbero avere effetti negativi sulle capacità di apprendimento dei figli mentre tutti gli adulti in generale temono di cadere nel tunnel della ludopatia.

 

La ricerca ha però dimostrato che i giochi possono anche aiutare l'apprendimento, in particolare quando si tratta dello sviluppo delle abilità spaziali, e se poi sono gratuiti è ancora meglio per il proprio portafoglio. Tuttavia, prima di iniziare a giocare in una slot gratis online o in in videogioco in 3D, è importante capire come fare ad apprendere il massimo possibile e perchè è importante farlo.

Quali sono le abilità spaziali e perché ne abbiamo bisogno?

Le abilità spaziali si riferiscono alla nostra capacità di ruotare e concettualizzare oggetti 3D e di decifrare mappe, grafici e diagrammi. Queste sono competenze essenziali nel settore scientifico, tecnologico, ingegneristico e matematico (STEM) ma anche nella vita di tutti i giorni. Un'abilità spaziale comune a diverse discipline ingegneristiche e scientifiche è la capacità di visualizzare una sezione trasversale 2D attraverso un oggetto 3D. Lo sviluppo delle abilità spaziali è particolarmente rilevante per il campo della geoscienza, potrebbe sembrare qualcosa di troppo complicato ma in realtà usiamo queste competenze ogni giorno quando leggiamo dei grafici, interpretiamo i risultati di varie misurazioni ed esperimenti o semplicemente leggiamo una mappa per orientarci. Tuttavia con l’avvento dei sistemi di navigazione satellitari, e degli smartphone in particolare, abbiamo perso la nostra consapevolezza spaziale e la capacità di navigare nello spazio. Se abbiamo bisogno di indicazioni geografiche Google Maps ci porta destinazione illustrandoci passo dopo passo il percorso che dobbiamo eseguire. Se non conosciamo qualcosa chiediamo informazioni a Siri e ultimamente con Alexa, se siamo pigri, possiamo anche evitare di alzarci ed orientarci nella nostra casa al buio per andare ad accendere la luce.

Il ruolo dei giochi nell’apprendimento

Grazie a tutti questi strumenti la vita si è notevolmente semplificata ma purtroppo è anche facile rendersi conto che abbiamo perso una serie di capacità che ci consentono di muoverci o adattarci negli spazi nuovi. Anche se può sembrare strano i giochi, soprattutto quelli che oggi sono creati in 3D, aiutano a sviluppare queste capacità perdute perchè catapultano l’utente  in un nuovo mondo dove deve imparare a muoversi senza nessun aiuto.

In una slot, ad esempio, il giocatore impara a muoversi tra le linee, a riconoscere i simboli e ad agire di conseguenza in un lasso di tempo davvero ridotto per conseguire la vittoria finale. Sebbene tutto questo potrebbe sembrare banale e difficilmente applicabile alla realtà è importante sapere che invece il nostro cervello ne trae giovamento e sviluppa le capacità appena elencate applicandole alla vita di tutti i giorni. Di conseguenza prendendo ad esempio il gioco di una slot è possibile risolvere problemi più velocemente e addirittura rafforzare la memoria visiva.

Lo stesso avviene per i videogiochi, soprattutto quellli in 3D, dove il giocatore si ritrova in una realtà virtuale che non conosce e nella quale incosapevolmente impara subito a muoversi.  Il mondo virtuale dei videogiochi 3D è incredibilmente realistico poiché è stato realizzato utilizzando paesaggi trovati nel mondo reale e senza indicazioni o aiuti esterni il giocatore impara a gestire gli spazi che ha davanti a sè. Ovviamente è facile pensare che trattandosi di un gioco le difficoltà sono ridotte ma allo stesso modo è anche utile ricordarsi che i nostri genitori, e nonni soprattutto, sono riusciti ad orientarsi nel mondo senza avere mai uno smartphone in mano che dicesse loro dove andare.

Un’ altra capacità che si può sviluppare attraverso un gioco è quella di riuscire a risolvere i problemi più velocemente. Come abbiamo detto prima un gioco è spesso basato su paesaggi reali, ciò significa che spostarsi da un posto all'altro nel gioco può richiedere un tempo considerevole perché il giocatore di solito viaggia verso la maggior parte dei posti a piedi. Ovviamente è possibile risparmiare tempo usando scorciatoie presenti nella mappa topografica e quindi i giocatori vengono premiati per aver imparato a leggere al meglio le indicazioni. Inoltre in questi giochi si devono spesso risolvere misteri e trovare indizi particolari per acquisire maggiori competenze ed avanzare di livello, ovvero tutte esperienze che simulano gli stessi schemi di pensiero che usiamo esaminando e interpretando le mappe del mondo reale.
 
Questi esempi servono quindi a comprendere il fatto che non è difficile imparare a gestire uno spazio e non è complicato nemmeno trovare una soluzione rapida ad un problema. Così come il giocatore fa muovere il suo avatar all’interno del mondo virtuale allo stesso modo noi possiamo sviluppare le nostre capacità spaziali.