Motogp: Marquez esagera, ma Rossi questa volta non lo perdona

Un epilogo amaro, quello dell'ultima gara di Motogp che ha visto protagonista un Marquez letteralmente fuori controllo.

Se far uscire Rossi dalla pista e costringerlo a un immeritato 19° posto è stato l'atto più clamoroso compiuto dal pilota a Termas de Rio Hondo, non è certo stato l'unico. Sono stati tanti gli errori commessi da Marquez durante la seconda tappa del Motomondiale e ormai sono tutti concordi: doveva essere punito in modo più severo. Come ha affermato Rossi a caldo subito dopo la gara, sarebbe giusto garantire una maggior sicurezza per i piloti perché basta un piccolo errore per rischiare di perdere la vita. E il Dottore non ha certo usato mezzi termini: il comportamento di Marquez doveva essere punito più severamente, perché ogni pilota ha il diritto di sentirsi tutelato e protetto dalla Dirigenza.

Ripercorriamo tutti gli errori commessi da Marquez durante la seconda tappa di Motogp in Argentina perché, dobbiamo ammetterlo, sono davvero molti.

  • Marquez che infrange le regole ancora prima della partenza

Non è certo iniziata bene, la gara del Motogp in Argentina, con un Marquez che sembrava proprio un bambino alle prese con tanta voglia di giocare. Ancora prima dell'inizio della gara, sulla griglia di partenza, il pilota ha cercato di far ripartire la sua Honda (che si era spenta) andando contromano. È così tornato, come se nulla fosse, sulla sua casella in griglia. Questo primo atto gli è costato una prima penalità, la quale tuttavia, a giudicare da com’è andata avanti la gara, non l'ha certo preoccupato. 

  • Il comportamento scorretto con Espargarò e Rossi

La seconda penalità della giornata è arrivata a Marquez per il contatto su Alexis Espargarò, ma non è stato nulla in confronto alla sorte che è toccata, poco dopo, a Valentino Rossi. Mancavano solamente 4 giri al termine della gara e Marquez non ha certo guardato in faccia nessuno nel suo tentativo di rimonta. È stato così che il Dottore si è ritrovato a terra, proprio per colpa di un'entrata scomposta da parte del rivale. La Direzione è intervenuta con l'ennesima penalità: 30 secondi per guida irresponsabile, che però sembrano davvero troppo pochi per un pilota che ha dato prova a più riprese di non essere affatto corretto.

  • I commenti a caldo di Rossi

Per Valentino Rossi non è certo una novità: Marquez aveva già dimostrato la sua indole in passato, ma questa volta il Dottore non si è proprio saputo trattenere. Intervistato subito dopo la gara, si è detto profondamente sconfortato, non solo per il comportamento di Marquez, ma anche e soprattutto per un Direttore di gara troppo permissivo. Se, infatti, è vero che il pilota della Honda è stato punito con alcune penalità, è altrettanto vero, secondo Rossi, che queste non serviranno assolutamente a nulla. Marquez l’ha già dimostrato e il Dottore ha affermato di non sentirsi più sicuro e protetto dalla Dirigenza di gara. Dopotutto, stiamo parlando di Motogp e anche il minimo comportamento scorretto potrebbe risultare fatale.

Per ulteriori approfondimenti segui il canale Motogp Sky Sport.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. 
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info