È un nuovo sistema che da ottobre sostituirà il censimento decennale: si baserà su un'indagine campionaria che riguarderà 1,4 milioni di famiglie ogni anno

Dal primo ottobre l’ISTAT inizierà a svolgere un “censimento permamente“, cioè un nuovo censimento della popolazione italiana che non si svolgerà più ogni dieci anni ma che diventerà annuale. Oltre alla maggiore frequenza, la caratteristica principale del nuovo censimento è che si baserà su dati campionari. In altre parole non saranno più intervistati tutti gli italiani nello stesso periodo, come avveniva fino a oggi, ma solo un campione rappresentativo. Il “censimento permanente” quindi sostituirà il censimento decennale.

Il nuovo censimento riguarderà ogni anno un campione statisticamente rappresentativo della popolazione italiana formato da un milione e 400 mila famiglie, per un totale di 3,5 milioni di persone distribuite su 2.852 comuni. Significa che ogni anno centinaia di migliaia di persone saranno intervistate dai “rilevatori comunali” che presenteranno loro un questionario, oppure saranno invitate a compilare questionari online. L’intera raccolta dati avverrà per la prima volta in maniera elettronica.

 

Altre informazioni saranno raccolte dai database delle amministrazioni pubbliche. Dei quasi tremila comuni che saranno censiti ogni anno, poco più di un migliaio costituiscono i comuni rappresentativi veri e propri: qui le indagini saranno svolte annualmente. Altri comuni saranno invece analizzati a rotazione una volta ogni quattro anni. In questo modo, entro il 2021 tutti i comuni italiani saranno censiti almeno una volta.

Il questionario conterrà domande sui componenti della famiglia e le loro condizioni socioconomiche, sul tipo di alloggio, sulla disponibilità di automobili e di posti auto. Circa mezzo milione di famiglie saranno intervistate dai rilevatori porta a porta, mentre altre 950 dovranno compilare il questionario online. Le famiglie prescelte riceveranno una lettera dall’ISTAT tra il primo e l’8 ottobre, e avranno tempo fino al 7 novembre per compilarlo. Tra l’8 novembre e il 20 dicembre chi non lo ha compilato riceverà un promemoria o una visita di un rilevatore comunale (rispondere al questionario è un obbligo di legge). Se siete stati contattati e avete dei dubbi, qui trovate le  domande e risposte più frequenti compilate dall’ISTAT  qui una brochure di informazioni.

Lo scopo del nuovo sistema, ha spiegato l’ISTAT, è da un lato risparmiare (si calcola che il censimento permanente costerà la metà di quello decennale) e dall’altro arrecare minor disturbo alle famiglie (il numero di persone intervistate infatti sarà molto più basso). Dall’altro, l’ISTAT disporrà di dati aggiornati molto più di frequente e quindi potenzialmente più utili per valutare la scelta di politiche pubbliche e i loro effetti.

 

Fonte: https://www.ilpost.it/2018/09/28/censimento-permanente-istat/

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. 
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info