Viaggio negli USA: consigli pratici prima di partire

Chi ama viaggiare non può non aver sognato almeno una volta di visitare gli Stati Uniti d’America.

Tra città enormi come New York, Chicago e Dallas, paesaggi meravigliosi e buon cibo, gli Stati Uniti sono da sempre in cima alla classifica dei posti più visitati al mondo. Prima di partire per un viaggio negli USA, però, bisogna adoperarsi per un itinerario di massima, fare la lista dei documenti da portare e le coperture assicurative da sottoscrivere – come l’assicurazione sanitaria viaggio per gli Usa, sempre molto utile per chi decide di affrontare questa meravigliosa avventura.

I documenti

Partendo dai documenti necessari per un viaggio negli USA, il primo da ricordare è il passaporto di nuovo tipo con data di scadenza successiva al previsto rientro in Italia e un visto di ingresso.

Se ci si reca negli USA per affari o per motivi personali per un periodo non superiore a 90 giorni non è necessario ottenere un visto: basta un'autorizzazione elettronica (ESTA) che si ottiene online dal sito del Dipartimento di Sicurezza Nazionale (Department of Homeland Security, DHS).

L’itinerario

Gli Stati Uniti sono un Paese immenso, 50 stati, quasi 10 milioni di metri quadrati, 325 milioni di abitanti, climi diversi, 6 fusi orari, paesaggi tradizioni e culture disparate. C’è da diventare matti! Impossibile pensate di vedere tutto.

Se state pensando ad un viaggio negli Stati Uniti sicuramente c’è stato un qualcosa, una foto, un racconto, un film che vi ha fatto scattare la voglia di partire!

Il primo passo per accontentare questa voglia è quello di creare un itinerario di massima. In questa fase cercate di stimare il costo del vostro viaggio e poi passate alla ricerca delle migliori offerte per voli, alberghi, noleggi e assicurazioni. Successivamente entrate nel dettaglio delle giornate, dei ristoranti e delle attività da fare.

I voli

Per quanto riguarda i voli, sicuramente più comodi sono quelli diretti, che trovate normalmente verso le grandi città. Se dovete fare più scali tenete d’occhio anche il tempo di scalo e cercate interconnessioni veloci (mantenendo sempre quel minimo di lasco per garantirvi di non perdere l’aereo in caso di ritardi!).

A volte i voli convenienti “nascondono” interminabili ore di attesa per la coincidenza. Controllate anche dov’è localizzato l’aeroporto rispetto a dove dovete andare. A volte i voli più convenienti fanno riferimento ad aeroporti più lontani dai centri e questo comporta costi e tempi aggiuntivi per raggiungerli. 

Avere flessibilità nelle date, sicuramente giocherà a vostro favore nel trovare le migliori tariffe. Cercate di non prenotare mai sotto data, quando i costi sono più alti.

L’assicurazione

Questo aspetto non è obbligatorio ma, secondo noi, è di fondamentale importanza. Una polizza assicurativa, con tutte le caratteristiche idonee ad un soggiorno negli USA, che copra anche le spese mediche durante il viaggio. In America le spese ospedaliere, anche per piccolissimi e banali incidenti, possono essere molto care. 

Occhio, infine, alla questione bagagli. Con le nuove regole sull’antiterrorismo, le autorità di sicurezza statunitensi (Transportation Security Administration – TSA) possono aprire e ispezionare qualsiasi bagaglio ritenuto sospetto o a campione, anche forzandole se necessario. Non rispondono ad eventuali danni arrecati alle valigie ad eccezione di quelle provviste di chiusura “TSA-Approved”.

Potrebbero interessarti