Come funziona il bonifico bancario

Il bonifico bancario è un’operazione in cui un soggetto, detto ordinante, trasferisce dei soldi ad un altro soggetto, che prende il nome di beneficiario. Per poter effettuare un bonifico bancario ordinante e beneficiario devono essere titolari di un conto corrente.

Le coordinate bancarie sono dei codici che servono a identificare universalmente le banche e le loro filiali, ma anche i conti correnti presenti in ogni filiale. Le coordinate bancarie più utilizzate sono l’IBAN, l’ABI, il CAB, il BIC, il BBAN, lo SWIFT CODE, il CIN e il codice CRO.

In assoluto il parametro più importante per spedire un bonifico bancario è l’IBAN. Si tratta di un codice composto da una lettera di controllo detta CIN, due numeri di controllo, due caratteri che identificano lo stato destinatario, le coordinate bancarie del beneficiario ABI e CAB, e dodici cifre riguardanti il conto corrente del beneficiario.

Bonifico bancario IBAN: come si compone

Ma cosa indicano i codici presenti nell’IBAN? Il CIN (Control Internal Number) è rappresentato da una lettera come funziona come carattere di controllo. Si genera in base a un protocollo universale, partendo dai codici ABI e CAB e dal numero di conto.

L’ABI invece è il codice dell’Associazione Bancaria Italiana ed è composto da cinque cifre. L’ABI indica l’istituto di credito, per questo ogni banca ne possiede uno che viene creato appositamente dall’Associazione Bancaria per quello specifico istituto.

Il CAB infine è il Codice di Avviamento Bancario ed è composto da cinque cifre. Rappresenta l’agenzia o la specifica filiale dell’istituto di credito che viene identificato con il codice ABI.

Commenti

Potrebbero interessarti

Nessuna connessione internet