Carne di Wagyu: curiosità su questo pregiato taglio di carne

Ormai amatissima e diffusa in moltissimi ristoranti in tutto il mondo, la carne di Wagyu è universalmente riconosciuta come uno dei tagli più pregiati. Proprio tale caratteristica, che ne fa un vero e proprio mito della gastronomia mondiale e, probabilmente, la carne più costosa al mondo, ha contribuito a renderla protagonista di svariate leggende, spesso prive di fondamento.

Probabilmente, questo è dovuto alla mancanza di informazioni che abbiamo riguardo a questo particolare tipo di manzo. Proprio al fine di chiarire ogni aspetto in merito all'origine e alle principali caratteristiche di questa carne di origine giapponese, in seguito verranno elencate alcune curiosità sul Wagyu che ogni amante della carne dovrebbe conoscere.

Wagyu e Kobe: sono la stessa cosa?

Nonostante si confondino queste apprezzatissime qualità di carne, in realtà Wagyu e Kobe non sono proprio la stessa cosa. La differenza risiede nei pascoli nipponici, in quanto quando si parla al Wagyu ci si riferisce a 4 differenti tipologie di allevamento: Kuroge Washu, Akage Washu, Mukaku Washu e Nihon Tankaku Washu, rispettivamente razza nera giapponese, razza bruna, la senza corna e la shorthorn.

Il Kobe è da classificare come razza nera giapponese e viene prodotto solo ed esclusivamente nell'omonima città. Questa carne non è, quindi, altro che una qualità del Wagyu.

Cosa rende questa carne così pregiata?

Il perché dell'esclusività, e di conseguenza del costo, della carne viene spiegato direttamente dall'Associazione giapponese per l'esportazione di prodotti animali, che indica nel gusto, nell'aroma e nella consistenza le principali caratteristiche del Wagyu. Questo, infatti, si contraddistingue per un sapore unico, a tratti anche fruttato, a cui si aggiungono due particolari retrogusti, definiti aroma retro nasali e aroma di masticazione.

Fondamentale è anche il grasso, che contribuisce ad attribuire alla carne la sua tipica consistenza e il sapore unico. Proprio grazie al grasso e alla colorazione della carne è possibile valutare la bontà del taglio. In tal senso, in Giappone vengono utilizzati 5 gradi di qualità, attribuiti in base a 12 diversi livelli di marmorizzazione.

L'importanza dell'allevamento

Sebbene quasi la totalità delle notizie che circolano riguardo lo speciale trattamento che i manzi Wagyu ricevono all'interno degli allevamenti siano da considerare false, c'è un fondo di verità in merito alle particolari attenzioni riservate al bestiame. Ogni vitello, infatti, viene accudito e fatto crescere con un'attenzione particolare, favorendo in lui una crescita nel totale benessere.

Dove mangiare il Wagyu in Italia?

Come anticipato in precedenza, ormai in tutto il mondo è possibile mangiare della carne Wagyu. In tal senso, in Italia esistono dei particolari allevamenti di manzo giapponese. Altri ristoranti, invece, propongono tagli provenienti proprio dal paese del Sol Levante. In questo caso, una singola bistecca può arrivare a costare anche 1000 euro al Kg, ma il sapore ripagherà totalmente la cifra spesa.

Commenti

Potrebbero interessarti

Nessuna connessione internet